logo

Non solo web!
Ci trovi anche sui social.

Costruisci con noi il Minicinema per i bimbi di Ugi Onlus. Basta una piccola donazione, a partire da 25 €, intestata a:

UGI Onlus
UNICREDIT BANCA SpA
Agenzia Torino Carducci
IBAN: IT 71 P 02008 01107 000000831009
Causale: Minicinema

 / Risorse  / Web serie: tutto quello che c’è da sapere

Web serie: tutto quello che c’è da sapere

I format seriali sono prodotti di estremo successo: il potere della narrazione, episodio dopo episodio, coinvolge il pubblico e lo fidelizza, portandolo a diventare spettatore inossidabile. È un processo che conosciamo bene: avviene per esempio con la fiction e le serie tv. Tuttavia, i format a puntate non sono – o meglio, non sono più -, gli unici esempi ai quali fare riferimento per tentare innovative video strategy. Il digitale è infatti una grande risorsa oggi, grazie al successo crescente delle web serie. 

I mondi delle serie: dal fumetto al web

Abituati a riferirci a prodotti video a puntate da guardare e seguire in tv, spesso non pensiamo che gli universi narrativi progettati a partire da un format e costruiti con una precisa serialità popolano anche altri media. Pensiamo per esempio ai fumetti, una delle forme di serialità più classica, ma anche alla pubblicità, che da sempre gioca con le “puntate” (basti pensare al classico italiano, il Carosello, che ha caratterizzato la prima tv italiana facendone la storia). Oggi i nuovi universi della serialità sono quelli del web e del digitale, dove si trovano webserie, videogame, prodotti innovativi che sperimentano e si adattano alle possibilità creative offerte dal mondo social. 

 

Le webserie, piccola storia di un format

Siamo ormai abituati, visto lo sviluppo enorme della telefonia mobile e la pervasività del video  a fruire di prodotti anche attraverso il display del nostro cellulare o tablet, e i trend del momento, favoriti anche dalla pandemia di coronavirus che ha ridefinito i paradigmi attraverso i quali ci affacciamo al web e al mondo del video, confermano questa tendenza.

Le webserie si inseriscono perfettamente in questa tendenza. Si tratta di fiction realizzate appositamente per il web e per essere seguite da dispositivi mobili. Il concetto non è nuovo: fin dagli anni Novanta, con il progressivo crescere delle possibilità offerte da Internet, tanti network hanno sperimentato linguaggi e creatività confrontandosi con nuovi modi di fruizione. Del 1997 è per esempio Homicide: Second Shift, spin-off della serie televisiva Homicide: Life on the Street mandato in onda sul sito dedicato della NBC. Tantissimi sarebbero gli esempi internazionali, ma per restare in Italia ci limitiamo a citare Lost in Google, realizzata dalla casa di produzione The Jackal per Youtube, una webserie di fantascienza la cui caratteristica innovativa era probabilmente l’interazione con gli utenti su modelli di altri esperimenti americani. Addirittura, in Lost in Google i commenti ricevuti sotto le puntate erano utilizzati per sceneggiare gli episodi successivi. 

 

 

Non sfuggirà il potenziale creativo di prodotti del genere, aperti alla sperimentazione e all’interazione diretta con il pubblico, un potenziale che, dal 2008 ha portato alla nascita di diversi riconoscimenti tra cui l’International Academy of Web Television (IAWTV), che premia con gli Streamy Awards le migliori serie nate per il digitale. 

 

Perché progettare una webserie?

Lavorare in ambienti digitali significa anche sperimentare e confrontarsi con novità che riguardano innanzitutto i format e le possibilità narrative. Questo per adattarsi alle caratteristiche del mezzo, che vanno dalla brevità, alla sottotitolazione per la fruizione in ambienti pubblici senza audio, ad altri aspetti più stilistici che hanno a che fare con il tono di voce, l’ironia e altri giochi testuali, non ultima la possibilità di interazione con il pubblico. 

Le webserie sono nate spesso come spin off, un accompagnamento a latere di prodotti più grandi, spesso serie tv o film, ma esistono anche prodotti originali che in parte stanno sostituendo la fruizione classica sul canale televisivo e attirando un nuovo pubblico. Il taglio sarà naturalmente adatto al contesto web: agile, veloce, adatto a creare engagement. Ecco perché non escludere a priori, per la propria videostrategy, la realizzazione di una piccola serie da diffondere sui canali web, dove è possibile una maggiore sperimentazione utile a definire meglio il proprio target o ad ampliare il pubblico. 

Piacevole da seguire, leggera, non troppo istituzionale: la webserie potrebbe diventare il fiore all’occhiello della vostra azienda, un prodotto capace di caratterizzarla e di portare traffico sui vostri canali e incrementare la visibilità.


 

Vi abbiamo convinti?

RECTV Produzioni vi aspetta per risolvere tutti i vostri dubbi e progettare con voi la soluzione più efficace per la vostra realtà!


No Comments

Post a Comment

13 + quindici =

RECTV Produzioni srl

Sede legale: Via Vela 42, 10128 – Torino / C.F. e P.I. 11276480016
©2015-2019 – Tutti i diritti sono riservati.

Privacy Policy / Codice Etico

WhatsApp chat